Le modifiche sul subappalto previste dal dlgs 152/08

image_pdfimage_print

Le modifiche sul subappalto previste dal dlgs 152/08

Il Dlgs 152/2008 apporta anche alcune interessanti modifiche alle norme sul subappalto. Viene, ad esempio, integrato l`articolo 38 del Codice, disposizione che elenca le cause di esclusione dalla partecipazione alle procedure di aggiudicazione delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi, nonche` dall`affidamento dei subappalti.Ora si prevede che vengano esclusi dalla partecipazione alle gare per l`affidamento di contratti pubblici anche i subappaltatori che – in base ai dati in possesso dell`Osservatorio – abbiano reso false dichiarazioni sui requisiti e le condizioni rilevanti per l`affidamento dei subappalti nell`anno precedente la data di pubblicazione del bando.Una novita` di portata estremamente significativa e` costituita poi dall`introduzione, ispirata anche dalle osservazioni della Commissione europea, della possibilita` di subappaltare le opere appartenenti a categorie superspecializzate, quelle, cioe`, per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessita` tecnica.

La possibilita` di ricorso al subappalto era prima esclusa e veniva imposta necessariamente l`esecuzione diretta da parte degli affidatari, con conseguente necessita`, per i soggetti non specializzati, di costituire associazioni temporanee di tipo verticale.

Dal 17 ottobre, invece, e` possibile utilizzare il subappalto ma nel limite del 30% massimo stabilito dall`articolo 118.

Previsto anche il pagamento diretto da stazione appaltante a subappaltatore delle prestazioni eseguite.

 

Tratto da Il Sole 24 Ore  – P.Con. – L.Leo – 20/10/2008