Confindustria: un piano per le infrastrutture

image_pdfimage_print

Confindustria: un piano per le infrastrutture

MILANO Incentivi fiscali per sviluppare il projet financing, nuove modalità di finanziamento per la Cassa Depositi e Prestiti, riduzione dei ritardi nei pagamenti delle imprese, maggiori poteri ai commissari straordinari per le opere urgenti, snellimento della catena decisionale della Conferenza dei Servizi. E’ un consistente pacchetto di proposte quello che ieri, in occasione del seminario «La riforma infrastrutturale», il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia e il vicepresidente Cesare Trevisani hanno presentato ai ministri Altero Matteoli e Stefania Prestigiacomo per rilanciare la realizzazione delle grandi opere pubbliche.«E’ necessario far decollare le opere immediatamente cantierabili sottolineano i leader dell’associazione degli imprenditori sia per colmare il gap che separa l’Italia dagli altri paesi, sia per attenuare l’impatto della crisi economica e assicurare la competitività del nostro sistema nel lungo periodo».Secondo Trevisani, «le proposte che abbiamo presentato hanno l’obiettivo di dare l’avvio a interventi organici sul funzionamento del settore».

Tratto da Corriere della Sera del 1 ottobre 2009 (G.Ra.)
APPROFONDIMENTO IN RASSEGNA STAMPA Lavori Pubblici