Più semplice la Tracciabilità dei flussi finanziari:

image_pdfimage_print

Sono le due mosse varate dall’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici per snellire gli adempimenti delle stazioni appaltanti in tema di tracciabilità dei flussi finanziari.

La questione era nata dopo l’entrata in vigore della legge «antimafia» (legge 136/2010), che interessa tutti i contratti, indipendentemente dall’esperimento o meno di una gara per l’affidamento dell’opera o del servizio e senza deroghe per gli appalti di modico valore.
Il comunicato diramato dall’Autorità chiarisce che le novità si applicano esclusivamente ai contratti di lavori fino a 4 mila euro ed ai contratti di servizi e forniture di importo minore di 20 mila euro, affidati ai sensi dell’articolo 125 del codice dei contratti o mediante procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando ed ai contratti esclusi in tutto o in parte dall’applicazione del codice.
Il Cig semplificato è, in sostanza, più rapido da acquisire grazie al minor numero di informazioni da inviare alla banca dati di via di Ripetta. Parallelamente le stazioni appaltanti potranno richiedere il rilascio fino a due carnet di Cig (100 codici in totale), da utilizzare nei successivi 90 giorni e da rendicontare unicamente entro 30 giorni dalla data di scadenza del “libretto”.
La procedura di rilascio del carnet prevede la consegna al responsabile del procedimento, via posta elettronica certificata, di un documento in formato Pdf dove sono riportati la data di emissione, il responsabile assegnatario, l’elenco dei Cig che compongono il carnet e la data di scadenza entro la quale possono essere utilizzati per tracciare gli affidamenti.
La mancata trasmissione dei dati sull’utilizzo di ciascun Cig è sanzionata con l’impossibilità di ottenere il rilascio di nuovi carnet.
Ogni responsabile di procedimento potrà disporre di un massimo di due carnet contemporaneamente attivi per ciascun centro di costo di stazione appaltante.
Possono accedere al nuovo servizio Smart CIG, infine, tutti gli utenti abilitati al sistema informatico (Simog). Sono diventate così operative le semplificazioni annunciate nella determinazione n. 10/2010 e confermate dal presidente Brienza nel corso dell’audizione alla commissione Ambiente della Camera, dopo l’esplosione delle richieste di Cig per i micro contratti.
Tratto da il Sole 24 Ore di Patrizia Ruffini 5-5-2011