Internazionalizzazione delle imprese: si rafforza l’intesa Unicredit-Ance

image_pdfimage_print

COMUNICATO STAMPA ANCE

Ripresa cantieri Italia”: si rafforza l’intesa UniCredit-Ance a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese

Supporto ai processi di aggregazione delle pmi e missioni congiunte per aggredire i mercati esteri.

Con l’accordo firmato ieri da Federico Ghizzoni, Amministratore Delegato di UniCredit e Paolo Buzzetti, presidente Ance, prende il via un nuovo progetto banca-associazione che mira a sostenere le imprese Ance che scelgono di superare i confini e sfruttare le opportunita’ di business nei mercati internazionali.

Un impegno reciproco che si attuera’ concretamente attraverso la sinergia sul territorio tra sistema Ance e rete UniCredit specializzata negli investimenti esteri.

Lo scopo dell’accordo e’ di far compiere al tessuto di piccole e medie imprese italiane che vogliono affacciarsi oltreconfine un importante salto di qualita’, attraverso la promozione di processi di aggregazione e l’organizzazione di missioni internazionali congiunte.

Questi tra gli obiettivi fondamentali dell’intesa, che si inserisce nel progetto ‘Ripresa cantieri Italia’, sottoscritto un anno fa dall’Associazione nazionale costruttori edili e da UniCredit per rispondere alla crisi economica e che prevede un plafond di 2 miliardi di euro per il finanziamento di progetti immobiliari e un osservatorio ad hoc per monitorare il mercato e favorirne la trasparenza.

”L’accordo odierno aggiunge un ulteriore, importante tassello all’impegno di UniCredit volto a sostenere le esportazioni e l’internazionalizzazione delle aziende italiane” – ha dichiarato Federico Ghizzoni, Amministratore Delegato di UniCredit -. Il capillare network estero e un modello di business distintivo, che accompagna le aziende, anche di piccole e medie dimensioni, nei mercati internazionali posizionano UniCredit come partner ideale di Ance e dei suoi associati”.

”La crisi del settore in Italia spinge sempre piu’ le aziende a guardare fuori dai confini del territorio – ha sottolineato Paolo Buzzetti – dove la qualita’ e la competitivita’ delle nostre imprese di costruzione sono riconosciute e apprezzate, come dimostra la forte crescita del fatturato prodotto oltreconfine dalle aziende edili italiane, che e’ aumentato del 150% rispetto a sette anni fa. Aprire il mercato estero anche alle pmi, oggi, e’ diventato strategico, ma e’ fondamentale fare squadra e presentarsi come sistema-Paese. Solo cosi’ potremo vincere la sfida con i nostri competitors internazionali, sfida a cui le imprese Ance non vogliono sottrarsi.”

Roma, 25 maggio 201228