Fias: Sbloccare il miliardo destinato ai lavori nelle aree dissestate

image_pdfimage_print

Ad un anno e mezzo dalla riapprovazione (i fondi erano stati già stanziati nel 2010) da parte del Cipe dei finanziamenti per oltre un miliardo di euro da destinare a circa un migliaio di interventi già programmati sull’intero territorio nazionale nelle aree dissestate e a rischio idrogeologico, la gran parte dei fondi e, in particolare quelli destinati alle regioni del centro-nord, non sono stati ancora messi a disposizione degli enti locali.

Gli eventi calamitosi che colpiscono tutte le regioni italiane rendono urgente e necessario lo sblocco di questi finanziamenti, che avrebbero un’immediata ricaduta positiva in termini occupazionali anche sulla filiera delle costruzioni, in un momento drammatico per tutto il comparto, alle prese con una crisi strutturale senza precedenti, come testimoniano i dati diffusi dall’Ance.

Per questa ragione la Fias, la Federazione italiana delle Associazione Specialistiche, a firma del presidente Poggio e dei vice Buzio e Guareschi, lo scorso 16 maggio ha scritto una lettera al Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando, per chiedere l’intervento del titolare del dicastero per sbloccare le risorse ferme da alcuni anni, e bloccate dalla burocrazia ministeriale.

Si consulti l’articolo su EDILIZIA E TERRITORIO Il Sole 24 Ore