CONFERENZE GEOTECNICHE DI TORINO

image_pdfimage_print

Negli ultimi 25 anni i prodotti, i progetti e gli sviluppi più interessanti ed originali nell’ambito dell’Ingegneria Geotecnica sono scaturiti in buona parte dall’introduzione dei geosintetici e dei geocompositi per gli interventi di protezione e recupero ambientale di suolo e sottosuolo.

La XXI edizione delle Conferenze di Geotecnica di Torino (CGT) si propone come un’occasione per fornire un quadro aggiornato sull’argomento attraverso i contributi di alcuni tra i massimi esperti nazionali ed internazionali e come opportunità per una ampia discussione sui futuri sviluppi del settore specifico con il coinvolgimento dei rappresentanti di università, enti di controllo, produttori, progettisti ed utilizzatori.

Durante le due giornate dei lavori, dedicate l’una agli impianti di smaltimento rifiuti e l’altra alla messa in sicurezza ed alla bonifica dei sottosuoli contaminati, l’attenzione verrà concentrata in particolare sui seguenti argomenti:

 

  • Geosintetici e geocompositi, per il drenaggio e l’impermeabilizzazione, utilizzati nei rivestimenti e nelle coperture degli impianti di smaltimento rifiuti con riferimento a problematiche quali il comportamento nel breve e nel lungo termine ed il confronto con i manufatti tradizionali anche alla luce dei requisiti richiesti dalle norme Nazionali ed Europee. Inoltre si analizzeranno le problematiche relative ad applicazioni dei geosintetici e geocompositi su scarpate ad elevata pendenza e/o posizionati su materiali di fondazione estremamente compressibili. Verranno infine considerati prodotti di recente utilizzo quali le unità assemblabili per il contenimento, la disidratazione ed il rinforzo strutturale di residui industriali e minerari.
  • Controllo e contenimento laterale degli inquinanti presenti nel sottosuolo mediante diaframmi drenanti ed impermeabilizzanti. Sistemi compositi di copertura dei fondali per la messa in sicurezza dell’ambiente marino e/o fluviale in presenza di sedimenti inquinati di origine industriale e/o portuale. Sistemi di lavaggio ed estrazione degli inquinanti in fase liquida e gassosa tra i quali si possono menzionare sistemi di copertura per l’estrazione sotto vuoto dei contaminanti volatili, dreni prefabbricati a nastro con fibre metalliche per l’estrazione elettrocinetica dei contaminanti sotto forma ionica in soluzione, dreni prefabbricati con circolazione coassiale di aria per favorire la disidratazione delle formazioni a grana fine e conseguentemente l’estrazione dei contaminanti in soluzione.

 

Infine, la chiusura della XXI edizione delle CGT sarà dedicata agli aspetti progettuali e costruttivi di manufatti quali opere di sostegno, rilevati, dighe, argini, briglie ed altre opere di regimazione idraulica che sempre più spesso devono essere in grado di resistere a sollecitazioni estreme quali quelle derivanti da inondazioni, piene, terremoti ed altri eventi catastrofici.

La conferenza del professor David Daniel, presidente della commissione, istituita dalla Associazione Americana degli Ingegneri Civili (ASCE), per la valutazione delle opere di difesa dagli uragani in corso di realizzazione a New Orleans a seguito del passaggio dell’uragano Katrina, sarà dedicata in particolare alle problematiche geotecniche evidenziatisi nelle zone più colpite del sud-est Louisiana ed alle relative soluzioni che prevedono un appropriato utilizzo di geosintetici e geocompositi.